Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/92

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
84 Don Candeloro e C.i

mente, fra il serio e il faceto, sulla palma, sul polso, salendo su pel braccio che sembrava inzuccherato dalla polvere di cipria, mentre la Celeste rideva quasi le facesse il solletico, fingendo di voler svincolarsi, esclamando:

– No! no! basta! Così ve la pigliate per venti ammiratori!

Macerata reclamava intanto la sua parte, e degli altri pure, cortesemente. Solo la poetessa accomiatavasi a labbra strette, e il giornalista agitava il gibus quasi per scacciare delle mosche, ripetendo:

– Via, via, signori miei.... dinanzi alla gente.... dei forestieri anche!...

Il signore forestiero, ancora rosso dall’emozione, aveva fatto la bocca al riso anche lui, per non restar da grullo, tormentandosi i baffi, girando intorno, suo malgrado, uno sguardo inquieto, sulla comitiva di cui la sola faccia simpatica gli sembrò allora quella del bel giovane taciturno, il quale lisciavasi i baffi anche lui, sorridendo a fior di labbro anche lui. Di fuori intanto il macchinista strepitava per far sgombrare il palcoscenico:

– La vita!... Signori!... Abbiano pazienza! – Gli