Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/125

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

alla contessa lampertico-valmarana. 111

     Se buoni cresceranno, io del mio corto
Fugace giorno non dorrommi. Oh quanto
Da’que’gentili al mio Fedel nel pianto
                              16Verrà conforto!

     La madre tua, che fu pur mia, tu mite
Figlia sostenta. A sua giornata Iddio
Gli anni aggiunga che tolse al viver mio,
                             20Viva due vite.

     O a me più che sorella e a’figli miei
Madre seconda! Agl’innocenti il riso
Chi rende? Chi al lor padre asciuga il viso,
                             24Se tu non sei?