Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




LA VEGLIA.

___


     Rugge notturno il vento
Fra l’ardue spire del camino e cala
Del tizzo semispento
4L’ultima fiamma ad agitar coll’ala.

     La tremebonda vampa
In fantastica danza i fluttuanti
Sedili aggira e stampa
8Sull’opposta parete ombre giganti.

     Tacito io siedo; e quale
Nel buio fondo di muscosa roccia
Lenta, sonante, eguale
12Batte sul cavo porfido una goccia;

     Tal con assiduo suono
Dall’oscillante pendolo il minuto
Scendere ascolto, e prono
16Nell’abisso del tempo andar perduto.