Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/168

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
154 orfani entrambo.


     E tu, fido garzon, con man paterna
Lei guiderai pel ripido cammino.
Sta nella fè che le giurasti eterna,
20Il suo destino.

     Felici, se col volgere degli anni
Insieme assisi in solitaria parte,
E rileggendo de’ durati affanni
24Memori carte,

     Potrete dir: fosser que’ giorni ancora!
— Per te, mio caro, ancor tale sarìa!
— Con crescente delirio il cor t’adora.
28Diletta mia!