Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/266

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
252 le nozze di tetide e peleo.


     Venne il Penèo, che delle muse a’ cori
Abbandonava le convalli erbose
Della sua Tempe, fra sublimi orrori
404Di foresta antichissima nascose;
Alti faggi portava e dritti allori
Svelti allora dal suol, pioppe ramose,
Non senza larghi platani fronzuti
408E cipressi che al ciel poggiano acuti.

     Tai piante intorno alle superbe mura
Il Dio poneva in ampio giro e spesso,
Perchè lieto d’orezzo e di verzura
412Dell’augusta magion fosse l’ingresso.
Segue Prometeo; nè di quella dura
Catena più già porta il segno impresso,
Che lo stringea, quando alla rupe affisso
416Pendea dall’alto sull’aperto abisso.

     Colla consorte veneranda Giove
Scende e co’ figli dall’Olimpo: il piede,
Febo, tu solo rivolgesti altrove
420E la tua suora che sull’Ida ha sede;
Chè uguale contro Peleo ira vi move
Per le temute nuzïali tede.
Lieti gli Dei si assisero al convito,
424Che di superbe dapi era imbandito.