Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/306

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




ERO A LEANDRO.

___


Eroide dello Stesso.

__


     Vuoi che l’egro mio spirto io rassereni,
Come il cortese tuo foglio m’invita?
3Getta la penna, mio Leandro, e vieni.

     A chi triste in desio mena la vita
Fassi un’ora mille anni. Io t’amo, io t’amo
6E fieramente il tuo tardar m’irrita.

     D’immenso foco parimenti ardiamo;
Ma se d’amore son le fiamme eguali,
9Di tempra eguali e di vigor non siamo.

     Noi che le membra abbiam tenere e frali
Noi fanciulle di cor siamo men forti.
12Vieni, o vinta io soccombo a tanti mali.