Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/329

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la partenza per l'esiglio. 315


     E che volea, mi dissero,
Correr feroce a morte;
Nè l’arrestò che il provvido
188Pensiero di mia sorte.

     Viva: e se a’ fati infrangere
Piacque di nostra vita
L’unica tela all’esule
192Sia liberal di aita.