Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/330

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search







CEFALO E PROCRI.

___


Dal Libro III dell’Arte d’Amore

dello Stesso.





 
     Quante un incauto credere
Talor sciagure apporti,
Di Procri l’infortunio,
4Sposi, vi renda accorti.

     Non lungi dalle floride
Pendici dell’Imetto
Sgorga una fonte e morbido
8Vi fan l’erbette un letto.

     Bossi e ginestre adombrano
Il tacito recesso;
Il mirto, il pin vi crescono
12Il lauro ed il cipresso.

     Di un odorato zefiro
Agli aliti giocondi
Gli erbosi cespi ondeggiano,
16Susurrano le frondi.