Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/395

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

properzia rossi. 381


     Resterà questo marmo, e viva in esso
L’immortale mia fiamma. I cittadini
72Commossi in cor gli passeranno appresso;

     E chi sa non tu stesso il guardo inchini
Vinto a un pensier che l’anima ti grava,
75E traendo un sospir dica a’ vicini:

     Quanto colei, che lo scolpì, mi amava!