Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/84

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




DUE VITE.

___


    Chi di te più solingo e miserando,
Celibe antico che, a’ tuoi dì migliori
3Il santo nodo marital sdegnando,

    Bevesti al nappo di venali amori?
Chi di te più dolente? Il capo imbianca;
6Ma non doman le nevi i vecchi ardori.

    Furor vano di prede agita e stanca
Il morente lione. Ecco affannoso
9T’è ’l respiro; la vista ecco ti manca.

    Da ree memorie combattuto e roso
Sui profumati serici guanciali
12Hai querula la veglia, ansio il riposo.

    Divorasti la vita. Ora i tuoi mali
Narri a’ sedili del deserto tetto
15E l’alto cruccio in empi motti esali,