Pagina:Viaggio Da Milano Ai Tre Laghi.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
6 Da Milano a Gallarate


te Olona, piacevol soggiorno un tempo de re d’Italia.

Alla Castellanza, piccola terra ove è una comoda osteria, si tragitta il fiume, che comincia a qui avere l’alveo profondo, e si sale sull’opposta sponda in un’ampia pianura, ed indi a poco giugnesi ad altra osteria, detta la Cassina delle Corde, o del buon Gesù. Nell’una o nell’altra fermansi i vetturini per cibo e per riposo. Alla seconda è unita la posta.

A Busto Arsiccio può estendere il suo passeggio chi si ferma alla Cassina delle Corde pel rinfresco de’ cavalli. Oltre le molte manifatture di cotone, merita d’esser veduta la Rotonda dedicata a M. V. per le pitture di Crespi e di Gaudenzio Ferrario, e più pel disegno di Bramante.

Intanto il curioso, se può salire in alto, esamina il piano, e lo vede in gran parte incolto e sgombro. È questa la Brughiera di Gallarate, coltivata soltanto presso ai borghi, e alquanto lungo la strada: ma mercè le saviissime leggi che hanno fatti vendere i beni comunali, è sperabile che la coltivazione, se non a campagne, almeno a boschi, s’andrà sempre più estendendo. I mali delle guerra hanno arrestato il corso al dissodamento delle brughiere; ma la stabilità delle cose ne farà sentire i vantaggi, e ripigliare i lavori.

La siccità è la cagion principale per cui