Pagina:Vita di Dante, Petrarca e Boccaccio.djvu/6

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Catone per Francesco Barbaro , ed altre si- milmente;

E sebbene vi si contenga tutta di nuovo compilata la biografia di Marco Tnllio Ci- cerone per Lionardo Aretino , e di Virgilio Marone per Donato Grammatico ; pure le vite, che più anno richiamato mia attenzio- ne, son qnelle di Dante , di Petrarca , di Boccaccio nel suddetto codice comprese , e scritte da Giannozzo Manetti.

Il Manetti nacque in Firenze nel 1396, e morx in Napoli nel i45g. Egli venne in con- to de’ più dotti del sno secolo, che molto per le sne opere si distinse ; ed il Tira boschi in una delie note a la vita di Dante lo ri* corda come scrittor degno di molta fede. IL sno merito letterario vien contestato da Apostolo Zeno, dal Muratori, dal Cortese, e da altri , che lo vantano come autore di opere, e storie diverse , ed espertissimo co- noscitore del latino,, del greco, dell’ebraico idioma. Mosso dunque sì dalla rinomanza di questo scrittore, che dal vivo desiderio di pendere sempre più chiaro, ed illustre il nome dell’ altissimo poeta, che primo siede $ul Parnasso Italiano , e ogni altro : vantag- gia in sapere , e leggiadria , mi sono ado- perato ad interpretare, e volgarizzare la vi-