Pagina:Vita di monsignor Giacomo Goria vescovo di Vercelli (Cusano).djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
26
 
 


dà nella sera doppo il solito avviso dell’Ave Maria, per ravvivarne la pia memoria di tributarle un Deprofondis, ò altro simil Christiano soccorso.

In tal conformità dovendo altresì provedere all’anima sua di perpetuo suffragio, e ricordevole assieme di quell’eruditione, e vera insegnamento, cioè:1 Male sibi consultum vult, qui Animam suam Hæredibus committit; Avvertito perciò d’assicurarse tal Provisione, fece impiego d’egregia somma de Denari nelle mani della Città stessa di Vercelli, con facoltà al medesimo Capitolo di Sant’Eusebio d’haversi annualmente i frutti, e convenienti utili, a fine, che servino per la manutentione della celebratione di Messa quotidiana, perpetua in essa Chiesa di Sant’Eusebio, oltre l’Anniversario, che ivi si solennizza giontamente con numero di Messe in voce privata, nel terzo giorno di Genaro di ciascun’anno, come giorno memorativo del suo passaggio all’altra vita.

Ancor il Collegio de’ Beneficiati nella medesima Cathedrale s’hanno particolari Redditi dal Commune del Luogo di Caresana,2 attesa certa capital somma de Denari

 
 
paga-


  1. Mazuchel. Cas. Reseru.
  2. Ex public. Docum.