Pagina:Vittorio Adami, Varenna e Monte di Varenna (1927).djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
6 vittorio adami


Col nome Varena troviamo persino una santa; vi è una storia di questa santa scritta da Vittor Carlo Pesci1.

Tutti questi nomi personali latini hanno qualche relazione col nome del nostro borgo? Data la nostra scarsa coltura in materia noi poniamo il problema lasciando ad altri più competenti di risolverlo.

Certo è che molti nomi di località vicini a Varenna sono chiaramente di origine latina come Vezio, Reulo, Bologna, Gisazio, Perleido e Tondello ed è certo d’altra parte che fin’ora è stata comunemente accettata la derivazione di Varenna dalla lingua gallo-celta ed a sostegno di questa tesi si citano i numerosi Varennes della Francia dove se ne contano circa 18.

Ulisse Chevalier nel suo Repertoir der sources historiques du Moyen-age, cita la voce Varenae alla quale fa corrispondere i nomi di Varennes e di Varenna.

Nel dizionario di Vivien de Saint Martin è detto che il nome di Varennes si adopra in molte parti della Francia per indicare i piani di alluvione, e i terreni vicini ai fiumi.

Varenne, sempre in Francia, significa un vivaio di pesci2.

Maurizio Monti ritiene che la radice celtica Var-acqua, sia entrata a formare i nomi di molti paesi posti sui fiumi e sul mare, come Varese, Varenna e Varazze, e nota che molti nomi di fiumi hanno pure questa radice: Varo, Vara, Varrone ecc.

L’Arrigoni nella sua storia della Valsassina ammette pure l’origine gallica nel nome di Varenna, e il Cantù propende per ritenere il nome di Varenna derivante dalla radice war, guerra e guardia.

Giuseppe Pasqualigo tra le voci dei dialetti comaschi e ticinesi, di origine gallo-celta, mette la voce varenna, che significherebbe selva riservata e la fa derivare dal celto varechen che significa custodire3.

Recentemente Ettore Pais emette la seguente ipotesi. Egli sostiene che sono etrusche le desinenze in enna ed inna che si riscontrano in nomi di città e di luoghi. Della preponderanza etrusca egli trova traccie nel nomi antichi e moderni, che nel Tirolo, nel Modenese, e nelle regioni Umbrie, invase dagli Etruschi, terminano col suffisso enna e per l’Italia superiore ricorda Clavenna, oggi Chiavenna, che non dista molto da Varenna.

Anche Schneider F. nel suo recente e poderoso lavoro, sui nostri castelli e comuni rurali nell’alto medioevo, ammette pure l’origine etru-

  1. P. C. Pesci, Vita di Santa Varena (Protettrice della Villa del Foro), Alessandria, Tip. Testera, 1885.
  2. Carolo du Fresne e du Cange, Glossarium ad scriptores mediae et infimae latinitatis Tomo IV, Parigi, 1736.
  3. Pasqualino Giuseppe, Compendio storico della repubblica e Canton Ticino, Milano, 1893.