Pagina:Vivanti - Naja Tripudians, Firenze, Bemporad, 1921.djvu/82

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
78 Naja Tripudians


suoi sguardi dalla pura fronte sotto ai morbidi capelli, alla puerile bocca socchiusa e alle mani un po’ rosse congiunte in grembo. — Perchè non mi chiede che cosa vuol dire desiderio?

— Ma, — fece Myosotis, sorridendo, — mi pare di saperlo.

— Ah! — ribattè Lord Neversol, guardandola profondamente negli occhi, — le pare di saperlo.

E continuò a guardarla fisso, senza sorridere.

Myosotis si sentì arrossire senza sapere perchè.

Leslie dal suo posto si sporse un poco avanti. — Che cosa c’è? — chiese alla sorella, sogguardando il personaggio patrizio.

Questi interpose: — Sa forse anche lei, signorinetta, il significato della parola «desiderio?».

Ma prima ch’ella potesse rispondere comparve sul palcoscenico il tenore, e subito le note gli squillarono dal petto, chiarosonanti come oro che batte sull’argento.

«Nur wer die Sehnsucht kennt
«Weiss was ich leide....»


intonò egli nel timbro d’una tromba chiarina.