Pagina:Volpini - 516 proverbi sul cavallo.djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
96 Proverbi sul cavallo.


8. Cavallo melato, cavallo malato.

Melato qui sta per pomellato. Questo proverbio è un bisticcio di parole e niente altro. Il cavallo melato, o pomellato anzichè debole o malaticcio, ordinariamente è buono, robusto e sano.

9. Caval morello o tutto buono, o tutto fello.

L’esperienza tenderebbe a provare che questo proverbio ha un fondamento di verità; presso gli antichi il cavallo mal tinto era tenuto in poco pregio, ma quello ben nero e ben segnato reputavasi di gran valore, infatti il Berni scrisse:

     Ma di quel valoroso e bel destriero
     Ch’egli aveva chiamato Rabicano
     Un che volesse dir, lodando, il vero,
     Bisogno avria di parlar più che umano
     Come un corvo nerissimo era nero.
     Segnato in fronte e fu da tre balzano
     I pie’ movea sì presti e veementi
     Che dietro si lasciava uccelli e venti.

10. Caval morello senza segno, non te ne fidar col pegno, e gli spagnuoli:

Morzillo sin sennal, o todo bueno, o todo mal.

Dice di non fidarsene, se anche apparentemente ci soddisfi e ci dia pegno di essere un buon cavallo. L’esperienza anche qui pare confermi il proverbio.

11. Caval rabicano, caval da ciarlatano.

In parte vaie quanto si è detto al cavallo dusolino; però sonvi dei rabicani di buona fibra e che prestano ottimo servizio.