Pagina:Volpini - 516 proverbi sul cavallo.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Mantelli e segni particolari. 97


12. Caval senza segno non te ne fidar col pegno.

Come al n. 13.

13. Caval zaino, bue rosso, asino insellato e frate sfratato, Dio ce ne liberi.

Anche qui i pareri sono diversi per quel che riguarda il cavallo. Gli antichi stimavano molto i cavalli zaini, cioè senza alcuna marca particolare, e gli spagnoli, anche oggidì, fanno gran caso di questi cavalli, che sono generalmente rari; altri invece li ritengono d’indole piuttosto cattiva. Nella cavalleria russa e nell’artiglieria da campo austriaca, dove si vedono batterie, squadroni e reggimenti interi con cavalli di un unico mantello, si potè con evidenza constatare essere senza pari veramente ottimi i bai zaini.

14. Choisis toujours des robes franches et foncées, defie-toi des robes claires et lavées.

È un proverbio arabo, riportato dal generale Daumas nel suo libro, Les chevaux du Sahara, ed ha un fondamento di verità. Il cavallo di mantello chiaro e lavato è sempre meno forte, meno robusto, meno resistente di quello che ha color deciso e scuro.

Virgilio nel libro terzo delle Georgiche descrivendo le bellezze del cavallo scrisse:

     . . . . . . . . . . . . . . . . . . Honesti
     Spadices, glaucique: color deterrimus albis
     Et gilvo;

vale a dire:

     Fra i colori è più in pregio il glauco e il baio
     Spregiato e vile è il cinereccio e ’l smorto.