Pagina:Volpini - 516 proverbi sul cavallo.djvu/146

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
120 Proverbi sul cavallo.


74. Fare il latino a cavallo.

Ridursi a far una cosa per forza e contro il proprio genio.

75. Fare la cavalletta.

Significa sbalzare, levar altri da un posto con segreti inganni e all’improvviso. La similitudine è tratta dal cavallo, che preso da ghiribizzo, vi sbalza di sella.

76. Il cavallo che non ha posto in scuderia, se lo fa, ed i francese per contrario:

En son fumier cheval engraisse, quand il repose à son aise.

Questo è un precetto di grandissima importanza. Se in una scuderia si mette un numero di cavalli superiore alla sua capacità, per modo che essi non abbiano posto, cioè che non possano muoversi liberamente, riposarsi, coricarsi, ben presto si svilupperanno tali e sì gravi malattie da determinare la morte di non pochi di essi; e così si fa il posto a quelli che rimangono! Meglio correre il rischio di veder i cavalli trarsi dei calci, perchè possono liberamente voltarsi le groppe gli uni agli altri, piuttosto che tenerli serrati nelle scuderie. Di tutti i mali, questo è il peggiore ed il più grave, e l’esperienza di molti anni lo ha provato. Se invece il cavallo può riposare a suo bell’agio, si conserva sano ed arrotondisce le sue forme, come appunto afferma il proverbio francese.

77. I cavalli si pigliano con la briglia e gli uomini con le parole.

I cavalli si pigliano, cioè si governano e dirigono colla briglia; gli uomini bene spesso si