Pagina:Zibaldone di pensieri I.djvu/380

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
352 pensieri (262-263-264)

sissima e lunga, che ci aspetti ec. Lo spavento degli spiriti, cosí puerile esso e fondato in opinione cosí puerile, è stato, ed ancora è, comune ad uomini coraggiosissimi. Vedi la p. 531, e 535(263)

*   L’intrigo può star molte volte colla chiarezza, come anche si può essere strigato ed oscuro. L’intrigo può venire o dallo scrittore o dalla necessità della materia, ed allora la chiarezza è difficilissima allo scrittore, e il luogo può riuscir difficile al lettore, sebbene sia chiaro. Ma spessissimo si confonde l’intrigo coll’oscurità e si chiama oscuro quello ch’é solamente intrigato e intrigato quello ch’é solamente oscuro. Applicate quest’osservazione ai cinquecentisti che bene spesso sono intrigati e contuttociò chiari, ai trecentisti che per lo piú sono strigatissimi e sovente oscurissimi, agli scrittori scientifici, tecnici, grammatici ec.


*   Una cosa stimabile non può essere apprezzata degnamente se non da quelli che ne conoscono il valore. Perciò la rarità non porta sempre con se la stima della cosa, anzi spessissimo l’impedisce. Un uomo di grande ingegno fra gl’ignoranti o è disprezzato o apprezzato senz’ammirazione, senza entusiasmo, senza nessuno di quegli affetti che paiono conseguenze infallibili dello straordinario e che debbano crescere tanto piú quanto la cosa è piú straordinaria relativamente. Il conto che se ne fa è come di uno che abbia un utensile migliore degli altri, i quali talvolta lo chiedono in prestito o se ne servono presso chi lo possiede, e non perciò stimano che quell’uomo (264) sia una gran cosa o superiore agli altri a cagione di quel piccolo vantaggio compensabile e paragonabile con tanti altri. Cosí le scritture di buon gusto in un secolo o paese corrotto o ignorante, cosí la sensibilità massimamente e l’entusiasmo, il quale anzi dalle persone ordinarie sarà sti-