Pagina:Zibaldone di pensieri II.djvu/352

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(1012-1013) pensieri 339

modo che nella moderna lingua francese, per confessione del Bonamy (Discours sur l’introduction de la langue latine dans les Gaules; dans les Mémoires de l’Acad. des Inscriptions, tome XLI), pochissime parole celtiche sono rimase; e nella provenzale, al dire dell’Astruc (Ac. des Inscr., tome XLI), appena trovasi una trentesima parte di voci gallesi; siccome la lingua spagnuola, tutta figlia della latina, non piú conserva alcun vestigio dell’antico parlare di quelle genti (Andrés, luogo cit. di sopra, p. 252) (4 maggio 1821).


*    Che la lingua latina a’ suoi buoni tempi, e quando ella era formata, si distinguesse in due lingue, l’una  (1013) volgare e l’altra nobile, usata da’ patrizi e dagli scrittori (i quali neppur credo che scrivessero come parlavano i patrizi) (Andrés, loc. cit., p. 256, nota) che Roma al tempo della sua grandezza avesse una lingua rustica, plebeia, vulgaris, un sermo barbarus, pedestris, militaris, (Spettatore di Milano, quaderno 97, p. 242) è noto e certo, senza entrare in altre quistioni, per la espressa testimonianza di Cicerone (Andrés, l. c). Del quale antico volgare latino parlerò forse quando che sia di proposito. Ora si veda quanto fosse impossibile che la lingua latina divenisse universale, mentre i soldati, i negozianti, i viaggiatori, i governanti, le colonie ec. diffondevano una lingua diversa dalla letterata, che sola avendo consistenza e forma, sola è capace di universalità; e mentre l’unicità di una lingua, come ho detto altrove, è la prima condizione per poter essere universale. Laddove la latina, non solo non era unica nella sua costituzione e nella sua indole, dirò cosí, interiore, come lo è la francese; ma era divisa perfino esteriormente in lingue diverse e, si può dir, doppia ec. (4 maggio 1821). Vedi p. 1020, capoverso 1.


*    Alla p. 999. Cosí chi sapesse l’antica lingua teutonica non intenderebbe perciò la tedesca, senza