Pagina:Zibaldone di pensieri III.djvu/128

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
114 pensieri (1362-1363)

privo de’ diritti e vantaggi di cittadino, giacché altrove non poteva essere cittadino, i quali anticamente erano qualche cosa.


*    Tutte le battaglie, le guerre ec. degli antichi, stante il sistema dell’odio nazionale, che altrove ho largamente esposto, erano disperate, e con quella risoluzione di vincere o morire, e con quella certezza di nulla guadagnare o salvare cedendo, che oggi non si trovano piú (21 luglio 1821).


*    Mess.... ad uno che gli esponeva la sua passione per una donna, Ma ella, disse, è tua rivale. Soleva dire che tutte le donne sono ardentissime rivali de’ loro amanti (21 luglio 1821).  (1363)


*   Alla p. 1347, margine. Cosí anche cadono necessariamente nell’i il ch, il ge e gi e lo j francesi. Cosí pure il nostro e latino sci o sce, che sono suoni distinti e ben diversi da quello della s e del c schiacciato, qual è, per esempio, il suono di s e c in excitare, e molto piú da quello della s e del c duro. Il ge e gi de’ francesi, e il loro j, sono pure nello stesso modo ben differenti dal suono di s e g, qual è, per esempio, in disgiunto. Il detto suono francese a noi manca, mancava ai latini, ai greci, manca agli spagnuoli ec. Manca pure, ch’io sappia, agli spagnuoli il nostro sci o sce, francese ch, inglese sh. Del resto il c e g schiacciato e tutti gli altri suoni affini a questi mancarono e mancano ai greci. Mancano pure detti suoni ai francesi, che però hanno gli altri suoni affini che abbiamo veduto. Manca quello del gi o ge italiano e latino agli spagnuoli, tedeschi, inglesi ec. (21 luglio 1821).


*    I greci ponevano nella stessa Roma iscrizioni greche, quali sono le famose Triopee fatte porre da