Pagina:Zibaldone di pensieri III.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
40 pensieri (1258-1259-1260)

mode del vestire, intorno alla bellezza del quale, e degli uomini per rispetto ad esso, varia il giudizio secondo i paesi e i tempi, anzi pure secondo i territorii e i momenti, senza veruna dipendenza neppur della natura costante e  (1259) universale (1 luglio 1821).Vedi p. 1318, fine.


*    Spesso nel vedere una fabbrica, una chiesa, un oggetto d’arte qualunque, siamo colpiti a prima giunta da una mancanza, da una soprabbondanza, da una disuguaglianza, da un disordine o irregolarità di simmetria ec., ed appena che abbiamo saputo o capito la ragione di questo disordine, e com’esso è fatto a bella posta o non a caso né per negligenza, ma per utilità, per comodo, per necessità ec., non solo non giudichiamo, ma non sentiamo piú in quell’oggetto veruna sproporzione, come la concepivamo e sentivamo e giudicavamo a primo tratto. Non è dunque relativa e mutabile l’idea delle proporzioni e sproporzioni determinate? E perché sentivamo noi e formavamo in quel primo istante il giudizio della sproporzione o sconvenienza? Per l’assuefazione, la quale in noi ha questa proprietà naturale, che ci fa giudicar di una cosa sopra un’altra, di un individuo, di una specie, di un genere stesso sopra un altro e quindi di una convenienza sopra un’altra. Dal che deriva l’errore universale, non solo del bello assoluto, ma della verità assoluta, del misurare tutti i nostri simili da noi stessi, della perfezione assoluta, del credere che tutti gli esseri vadano giudicati sopra una sola norma e quindi del crederci piú perfetti d’ogni altro  (1260) genere di esseri, quando non si dà perfezione comparativa fuori dello stesso genere, ma solamente fra gl’individui ec (1 luglio 1821).


*    Si può però ammettere una perfezione comparativa fra i diversi generi di cose dentro il sistema di questa tal natura o modo universale di esistere: ma