Pagina:Zibaldone di pensieri IV.djvu/143

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(2253-2254-2255) pensieri 131

estende questa qualità, perciocché ora si stringe a una sola città, ora ad una nazione benché divisa, come in Grecia ec.) e non mica al forestiere che capita, o se vi trovate in paese forestiere. Vedi il Feith, Antiquitates homericae, nel Gronovio, sopra la pirateria ec. ληστεία, usata dagli antichissimi legalmente e onoratamente cogli stranieri. Cosí dico dell’ingannare, mentire ec. ec. Infatti osservate che fra popoli selvaggi, ordinariamente virtuosissimi al loro modo e pieni de’ principii di onore e di coscienza verso i loro paesani ec., i viaggiatori hanno sempre o assai spesso trovato molta inclinazione a derubarli ingannarli ec.; eppure i loro costumi non erano certamente corrotti. Vedi le storie della conquista del Messico circa l’usanza menzognera di quei popoli i meno civilizzati. Parimente, trovandosi gli antichi o i selvaggi in terra forestiera, non  (2254) hanno mai creduto di mancare alla legge, danneggiando gli abitatori in qualunque modo.


     Che se l’ospitalità e il diritto degli ospiti fu garantito ordinariamente dalle leggi antiche, in quanto non si permetteva di violare colui (forestiero o nazionale, ma per lo piú nazionale) che si ammetteva in sua casa ec. ec., questa legge, questa opinione, che faceva considerar l’ospizio come sacro e raccomandava i diritti degli ospiti agli Dei signori e legislatori universali del mondo, non era effetto di natura né innata, ma opera del puro ragionamento, il quale dimostrava, che, avendo l’uomo in società spesse volte bisogno di portarsi o trovarsi fra forestieri e sotto legislazioni diverse dalla sua, egli sarebbe stato sempre in pericolo, se viceversa ai forestieri che capitavano in sua patria non avesse renduto i doveri dell’ospitalità ec. E queste considerazioni non innate, non derivate da una legge  (2255) naturale, da una morale ingenita, ma dal puro raziocinio e calcolo dell’utile e del necessario, dietro le circostanze esistenti nella società, queste considerazioni, dico, sono