Pagina:Zibaldone di pensieri IV.djvu/17

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(2006-2007-2008) pensieri 5

molte significazioni, cioè di cose in qualche modo somiglianti o fra cui l’uomo trovasse qualche analogia piú o meno vicina o lontana. E di metafore infatti abbonda il vocabolario ebraico e gli altri orientali, cioè quasi ciascuna parola ha una selva di significati, e sovente  (2007) disparatissimi e lontanissimi, fra’ quali è ben difficile il discernere il senso proprio e primitivo della parola. Cosí portava la vivezza dell’immaginazione orientale, che ravvicinava cose lontanissime e trovava rapporti astrusissimi e vedeva somiglianze e analogie fra le cose piú disparate. Del resto senza quest’abbondanza di significazioni traslate e questo cumulo di sensi per ciascuna parola, la lingua ebraica e le sue affini non avrebbero abbastanza da esprimersi, e da fare un discorso ec. (28 ottobre 1821).


*    Alla p. 1974. La lingua latina è fra tutte quante la meno adattabile alle cose moderne, perch’essendo di carattere antico, e proprissimo, e marcatissimo, è priva di libertà, al contrario delle altre antiche, e quindi incapace d’altro che dell’antico e inadattabile al moderno, a differenza della greca. Quindi venne e ch’ella  (2008) si corrompesse prestissimo, a differenza pur della greca, e ch’ella dovesse cessare di esser lingua universale, per intendersi scambievolmente, come oggi col francese, e molto piú di servire agli usi civili e diplomatici ec. ed essere adoperata dai letterati e dai dotti in luogo delle parlate; dovesse, dico, cessare appena i tempi presero uno spirito determinato e proprio, al quale il latino era inadattabile. Ciò forse non sarebbe accaduto alla lingua greca; e s’ella ne’ bassi tempi fosse stata universale in Europa, come lo fu la latina e com’essa l’era stata anticamente, e massime in Oriente, forse ella non avrebbe perduto ancora questa qualità, e noi ci serviremmo ancora tra nazione e nazione di una lingua antica, e in questa scriveremmo ec. Nel che saremmo in verità fe-