Pagina:Zibaldone di pensieri IV.djvu/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12 pensieri (2020-2021-2022)

sofo, e vede chiaramente delle verità e delle cagioni che il filosofo non vede se non confusamente o non vede punto, perocch’egli è abituato a pensare diversamente e a seguire nelle sue meditazioni tutt’altre vie che quelle che seguí naturalmente da fanciullo (31 ottobre 1821).


*    Alla p. 2011, principio. Circa il verbo vexare, che sembra essere un continuativo di vehere, dall’inusato participio vexus per vectus, di cui può far fede convexus, convexitas ec. (vedi il Forcellini a queste voci e nota che si dice anche convexare, siccome  (2021) convehere, e connectare) osserva il luogo di Gellio nel Forcellini, nota com’egli si aggiri non conoscendo la proprietà della formazione de’ continuativi, che ha virtú di accrescere l’azione significata da’ positivi; e nota ancora che vehere dall’usato vectus ha pur l’altro non controvertibile continuativo vectare (31 ottobre 1821).


*    Alla p. 1115, principio. Insomma, è manifesto che la formazione dei verbi ch’io chiamo continuativi è distintissima da quella dei verbi in itare che io chiamo, cogli altri, frequentativi; e l’uso lo è parimente, se non quanto poté poi degenerare o confondersi, come dirò appresso.

E parimente è manifestissimo che la formazione e l’uso de’ verbi continuativi è distintissimo da quello de’ positivi, e quei continuativi che conservarono presso gli scrittori latini de’ buoni tempi la loro  (2022) primitiva proprietà sono anche oggi tali, che chiunque abbia gusto e tatto di latinità conosce e sente a prima vista che non si potrebbero in nessun modo usare in luogo de’ positivi, né questi in luogo di quelli, senza mancare assolutamente alla proprietà latina, e senza totalmente barbarizzare, come versare per vertere o vertere per versare. Il che dimostra che quegli altri conti-