Pagina:Zibaldone di pensieri IV.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(2097-2098-2099) pensieri 51

tedesca non l’ha ancora passato. Non c’è giudizio non c’è paragone da fare su di lei in proposito di tali qualità, o di verun’altra, ma di queste massimamente.

Io son certo che se la lingua russa e polacca continuando ad esser coltivate, usciranno dal grado in cui sono, di pure immagini  (2098) della lingua e letteratura francese, (grado in cui si trovò parimente la tedesca ne’ principii del secolo passato, sin verso la metà) e se cominceranno ad acquistare un’indole, e una forma propria della nazione, e del tempo, e originale; son certo, dico, che in questi principii di formazione, si dirà di esse lingue e letterature, quello che oggi si dice della tedesca, che si trova appunto in quest’epoca di formazione incominciata, e non compita, e difficile a compiere per le sue circostanze nazionali. Cosí anche la lingua e letteratura inglese al tempo di Anna, sebben ella aveva già da molto tempo uno Shakespeare, scrittore veramente nazionale. Si dirà cioè che la lingua russa e polacca sono d’indole antica, rassomigliano moltissimo alle loro madri, sono liberissime, pieghevolissime, varie, ricche, capaci d’ogni cosa, arditissime, spesso oscurissime e irregolari, e non per tanto eleganti ec. Cosí delle letterature.

Quando poi la loro formazione sarà  (2099) compiuta, stabilita, perfezionata, allora solo si potrà veramente giudicare delle loro qualità; allora non so che cosa se ne dirà, ma posso congetturarlo. Cioè, stante le circostanze politiche de’ russi e polacchi diversissime da quelle de’ tedeschi, si può prevedere che incominciata che sarà una effettiva formazione delle loro lingue e letterature, questa (massime in Russia) progredirà piú rapidamente assai che non ha fatto in Germania, acquisterà piú presto una struttura e un’indole uniforme e determinata, e il carattere loro, quando sarà finito di formare, riuscirà molto meno prossimo all’antico, molto piú moderno e contemporaneo, molto meno libero, potente, pieghevole, molto piú stretto da