Pagina:Zibaldone di pensieri IV.djvu/68

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
56 pensieri (2107-2108-2109-2110)

mente degli altri, e soprattutto di quegli di mediocre sensibilità. Questa verità si deve estendere ed applicare a tutte quelle parti, generi ec. ne’ quali il sentimento  (2108) si divide e si esercita, come la compassione ec. ec. Sebbene è verissimo che l’uomo di sentimento è destinato all’infelicità nondimeno assai spesso accade ch’egli nella sua giovanezza, divenga insensibile al dolore e alla sventura, e che tanto meno egli sia suscettibile di dolor vivo dopo passata una certa epoca, e un certo giro di esperienza, quanto piú violento e terribile fu il suo dolore e la sua disperazione ne’ primi anni, e ne’ primi saggi ch’egli fece della vita. Egli arriva sovente assai presto ad un punto, dove qualunque massima infelicità non è piú capace di agitarlo fortemente, e dall’eccessiva suscettibilità di essere eccessivamente turbato, passa rapidamente alla qualità contraria, cioè ad un abito di quiete e di rassegnazione sí costante, e di disperazione cosí poco sensibile, che qualunque nuovo male gli riesce indifferente (e questa si può  (2109) dire l’ultima epoca del sentimento, e quella in cui la piú gran disposizione naturale all’immaginazione alla sensibilità, divengono quasi al tutto inutili, e il piú gran poeta, o il piú dotato di eloquenza che si possa immaginare, perde quasi affatto e irrecuperabilmente queste qualità, e si rende incapace a poterle piú sperimentare o mettere in opera per qualunque circostanza. Il sentimento è sempre vivo fino a questo tempo, anche in mezzo alla maggior disperazione, e al piú forte senso della nullità delle cose. Ma dopo quest’epoca, le cose divengono tanto nulle all’uomo sensibile, ch’egli non ne sente piú nemmeno la nullità: ed allora il sentimento e l’immaginazione son veramente morte, e senza risorsa). Nessuna cosa violenta è durevole. Laddove gli uomini di mediocre sensibilità, restano piú o meno suscettibili  (2110) d’infelicità viva per tutta la vita, e sempre capaci di nuovo affanno, da vecchi poco