Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(2976-2977-2978) pensieri 111

vazione che i poemi d’Omero, massime l’Iliade, avuto rispetto alla qualità della lingua greca, la quale in un dato numero di parole o di versi dice molto piú che le lingue moderne naturalmente e ordinariamente non dicono, i poemi d’Omero, ripeto, sono i piú lunghi di tutti i poemi epici conosciuti nelle letterature europee. Paragonati all’Eneide, ch’é poema scritto nella lingua piú di tutte vicina alla detta facoltà della lingua greca, oltre ch’essi sono composti di ventiquattro libri ciascuno, laddove l’Eneide di soli dodici, si trova che avendo l’Eneide 9896 versi, l’Odissea n’ha 12096, e l’Iliade 15703, il qual computo l’ho fatto io medesimo. Notisi che i versi di Virgilio sono della stessa misura che quelli di Omero. Questo parallelo cosí esatto non si potrebbe fare coi poemi scritti nelle lingue moderne, sí per la differente misura  (2977) de’ versi e quantità delle sillabe che questi contengono, sí molto maggiormente perché le lingue moderne hanno bisogno d’assai piú parole che non la lingua greca e latina per significare una stessa cosa. Onde quando anche v’avesse qualche poema epico moderno che di parole eccedesse quelli d’Omero, credo però che tutti debbano consentire che nel numero, per cosí dire, o nella quantità delle cose niuno ve n’ha che non sia notabilmente minore di questi, o certo dell’uno d’essi, cioè dell’Iliade.

Ora ella è pur cosa mirabile ad osservare che lo spirito e la vena di Omero, l’uno tanto vivido, gagliardo e fervido e l’altra cosí ricca e feconda in ciascheduna parte, abbiano potuto reggere, lascio stare in due poemi, ma in un poema medesimo, per cosí lungo tratto. Perciocché tutti gli altri poeti epici, avendo tolto, qual piú qual meno, quale direttamente e quale indirettamente, qual piú visibilmente e qual piú copertamente da lui, e successivamente gli uni dagli altri di mano in mano, si vede tuttavia che non hanno  (2978) potuto reggere a un corso cosí