Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
194 pensieri (3118-3119-3120)

fine di se stesso, cioè nell’individuo che compatisce. Quindi è che anche nei tempi moderni e civili la compassione non è propria se non degli animi cólti e dei naturalmente delicati e sensibili, cioè fini e vivi. Nelle campagne dove gli uomini sono pur meno corrotti che nelle città, rara, e poco intima e viva, e di poca efficacia e durata, è la compassione. Ma lo spirito di Omero era certamente  (3119) vivissimo e mobilissimo, e il sentimento delicatissimo e pieghevolissimo. Quindi egli provò il piacere della compassione, lo trovò, qual egli è, sommamente poetico, perocch’egli, oltre alla dolcezza, induce nell’animo un sentimento di propria nobiltà e singolarità che l’innalza e l’aggrandisce a’ suoi occhi, vero e proprio effetto della poesia. 1Volle dunque introdurlo nel suo poema, anzi farne l’uno de’ principali fini del medesimo, l’uno de’ principali piaceri prodotti dalla sua poesia. Volle accompagnar questo piacere e questo affetto con quello della maraviglia, affetto appartenente all’immaginazione e non al cuore, che fino a quel tempo era forse stato l’unico o il principal effetto della poesia. Volle che il suo poema operasse continuamente del pari e sulla immaginazione e sul cuore, e dall’una e dall’altra sua facoltà volle trarlo, cioè da quella d’immaginare e da quella di sentire. Questo suo intento è manifestissimo  (3120) nel suo poema, piú manifesto che appo gli altri poeti greci venuti a tempi piú cólti, piú eziandio che ne’ tragici appo i quali il terrore e la maraviglia prevalgono ordinariamente alla pietà, e spesso son soli, sempre tengono il primo luogo. Vedesi apertamente che Omero si compiace nelle scene compassionevoli, che se il soggetto e l’occasione gliene offrono, egli immediatamente le accetta, che altre ne introduce a bella posta e cercatamente (come l’abboccamento d’Ettore e Andromaca a introdurre il quale, e non ad

  1. Veggasi la p. 3167-8. e 3291-7.