Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/272

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3237-3238-3239) pensieri 265

di molti tedeschi1 nella filosofia, come dire nella metafisica e nella politica, potrà ben quello che suona il vocabolo analizzare,  (3238) cioè risolvere e disfar la natura, ma e’ non potrà mai ricomporla, voglio dire e’ non potrà mai dalle sue osservazioni e dalla sua analisi tirare una grande e generale conseguenza; né stringere e condurre le dette osservazioni in un gran risultato; e facendolo, come non lasciano di farlo, s’inganneranno; e cosí veramente loro interviene. Io voglio anche supporre ch’egli arrivino colla loro analisi fino a scomporre e risolvere la natura ne’ suoi menomi ed ultimi elementi, e ch’egli ottengano di conoscere ciascuna da se tutte le parti della natura. Ma il tutto di essa, il fine e il rapporto scambievole di esse parti tra loro, e di ciascuna verso il tutto, lo scopo di questo tutto, e l’intenzion vera e profonda della natura, quel ch’ella ha destinato, la cagione (lasciamo ora star l’efficiente) la cagion finale del suo essere e del suo esser tale, il perché ella abbia cosí disposto e cosí formato le sue parti, nella cognizione delle quali cose dee consistere lo scopo del filosofo, e intorno alle quali si aggirano insomma tutte le verità generali veramente grandi e importanti, queste cose, dico, è impossibile il ritrovarle  (3239) e l’intenderle a chiunque colla sola ragione analizza ed esamina la natura. La natura cosí analizzata non differisce punto da un corpo morto. Ora supponghiamo che noi fossimo animali di specie diversa dalla nostra, anzi di natura diversa dalla general natura degli animali che conosciamo, e nondimeno fossimo, siccome siamo, dotati d’intendimento. Se non avendo noi mai veduto né uomo alcuno né animale di quelli che realmente esi-

  1. Cosí anche parecchi inglesi e generalmente tutti coloro che non sono assuefatti e non conoscono altro che studi e cose esatte. Ma certo è che di tali filosofi, metafisici, politici, matematici ed aridi, ve n’ha piú copia fra’ tedeschi e dipoi fra’ gl’inglesi che altrove, come in Francia o in Italia.