Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/278

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3247-3248) pensieri 271

onde una lingua di suono aspro ha un carattere e un genio austero, una lingua di suono dolce ha un carattere e un genio molle e delicato: una lingua ancora rozza ha e pronunzia ed andamento rozzo, e civilizzandosi, raddolcendosi e ripulendosi il carattere della lingua e della dicitura, raffinandosi, divenendo regolare, e perfezionandosi essa lingua, se ne dirozza e raddolcisce e mitigasi e si ammollisce eziandio la generale pronunzia ed il suono. Dev’esser parimente osservato, che siccome il carattere della lingua al carattere della pronunzia, cosí i caratteri delle pronunzie corrispondono alle nature dei climi, e quindi alle qualità fisiche degli uomini che vivono in essi climi, e alle lor qualità morali che dalle fisiche procedono e lor corrispondono. Onde ne’ climi settentrionali, dove gli uomini indurati dal freddo, da’ patimenti, e dalle fatiche di provvedere a’ propri bisogni in terre  (3248) naturalmente sterili e sotto un cielo iniquo, e fortificati ancora dalla fredda temperatura dell’aria, sono piú che altrove robusti di corpo e coraggiosi d’animo, e pronti di mano, le pronunzie sono piú che altrove forti ed energiche, e richiedono un grande spirito, siccome è quella della lingua tedesca piena d’aspirazioni, e che a pronunziarla par che richiegga tanto fiato quant’altri può avere in petto, onde a noi italiani, udendola da’ nazionali, par ch’e’ facciano grande fatica a parlarla, o gran forza di petto ci adoprino. Per lo contrario accade nelle lingue de’ climi meridionali, dove gli uomini sono per natura molli e inclinati alla pigrizia e all’oziosità, e d’animo dolce e vago de’ piaceri, e di corpo men vigoroso che mobile e vivido. Ond’egli è proprio carattere della pronunzia non meno che della lingua, per esempio tedesca, la forza, e dell’italiana la dolcezza e delicatezza. E poste nelle lingue queste proprietà rispettive dell’una lingua all’altra, ne segue che anche assolutamente, e considerando ciascuna lingua da se nella lingua per