Pagina:Zibaldone di pensieri VI.djvu/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3545-3546-3547) pensieri 19

soleva dispregiare, non curare, stimare indegni di lode, e quasi confondere o non distinguere dalle  (3546) imperfezioni; insomma il renderlo facilissimo e solito a stimare, e difficilissimo, insolito, anzi quasi dimentico del dispregiare e del non curare, tutto all’opposto di quel ch’egli era per lo innanzi. Tanto poco vagliono gli uomini. E da ciò si può dedurre e far esatto giudizio quanto sia il valor vero e la virtú vera degli uomini (28 settembre 1823). Vedi p. 3720.


*    In una città piccola, massime dove sia poca conversazione, non essendo determinato il tuono della società (neppur un tuono proprio particolarmente d’essa città, qual sempre sarebbe in un[a] città piccola, quando veggiamo che anche le grandi hanno sempre notabilissime nuances di tuono lor proprio, e differenze da quelle dell’altre, anche dentro una stessa nazione) ciascun fa tuono da se, e la maniera di ciascuno, qual ch’ella sia, è tollerata e giudicata per buona e conveniente. Cosí a proporzione in una nazione, dove non v’abbia se non pochissima società, come in Italia. Il tuono sociale di questa nazione non esiste: ciascuno ha il suo. Infatti non v’è tuono di società che possa dirsi italiano. Ciascuno italiano ha la sua maniera di conversare, o naturale o imparata dagli stranieri, o comunque acquistata. Laddove in una nazione socievole, e cosí a proporzione in una città grande, non è, non solo stimato, ma neppur tollerato chi non si  (3547) conforma alla maniera comune di trattare, e chi non ha il tuono degli altri, perché questa maniera comune esiste, e il tuono di società è determinato, piú o meno strettamente, e non è lecito uscirne senza esser messo, nella società ec., fuor della legge, e considerato come da men degli altri, perché dagli altri diverso, diverso dai piú (28 settembre 1823).


*    Circa la radice monosillaba di jungo da me no-