Pagina:Zibaldone di pensieri VI.djvu/290

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3908-3909) pensieri 285



*    Alla p. 3520. E bene spesso l’irriflessione de’ fanciulli, degl’ignoranti, degl’inesperti ec. fa quello stesso e cosí perfettamente o assai meglio ancora, che può fare e fa la riflessione, la prudenza, la provvidenza, l’accorgimento, l’abilità, la prontezza ec. e la presenza di spirito acquistata a forza di pratica ec., trova gli stessi partiti che potrebbe abbracciare dopo maturissima considerazione l’uomo il piú riflessivo, e dov’é bisogno di prontezza, con altrettanta e maggior prontezza li trova e li eseguisce, che possa fare l’abito della riflessione ec. (26 novembre 1823).


*    Causare per accusare, accagionare, del che altrove in proposito dell’antico latino cuso, Machiavelli, Vita di Castruccio Castracani, non molto avanti il mezzo. Tutte le Opere, 1550, parte seconda, p. 73, principio: Occorse in questi tempi che il popolo di Roma cominciò a tumultuare per il vivere caro, causandone l’assenza del Pontifice che si trovava in Avignone, et biasimarono i governi Tedeschi (26 novembre 1823). (3909)


*   Alla p. 3753. E forse del resto puellus è contrazione di puerulus, che pur si dice; e allo stesso modo nigellus di un nigerulus, e fratello è per fraterulus, culter cultri-cultellus, e tutti i simili similmente (26 novembre 1823).


*    Alla p. 3310. Quanto influisca sempre l’immaginazione, l’opinione, la prevenzione ec. sull’amore anche corporale, sui sentimenti che un uomo prova in particolare verso una donna, o una donna verso un uomo, è cosa notissima. E in particolare ha forza sull’amore, non solo platonico o sentimentale, ma eziandio corporale verso gl’individui particolari tutto ciò che ha del misterioso, e che serve a rendere poco noto all’amante l’oggetto del suo amore, e quindi a