Pagina:Zibaldone di pensieri VI.djvu/451

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
446 pensieri (4067-4068)

ma elegante in generale, nobile, maestosa, distinta affatto dal dir comune, e proprio di una lingua che è già atta allo stile perfetto, quale è appunto quello di Cicerone nella prosa e di Virgilio nella poesia (stile usato quando la lingua latina era appunto in quelle circostanze e quello stato di capacità in cui è ora la lingua nostra): questo terzo modo non è stato non che usato, ma concepito né inteso da quasi niuno, comeché egli è forse il solo conveniente, il solo perfetto, e convenevole a una lingua e letteratura già perfetta (8 aprile 1824).


*    Bien o mal mirado per que bien o mal mira. Anche noi diciamo in simil senso riguardato, mal riguardato, poco riguardato ec., e cosí pur gli spagnuoli altri tali participii in simil senso, notati altrove. Cosí i latini circumspectus in senso attivo o neutro da circumspicio, e cautus da caveo attivo ec. (9 aprile 1824).


*    Εὐθὺς ἐν ἀρχῇ. Luciano, Opera, 1687, t. I, p. 515 (9 aprile, venerdí di Passione, festa di Maria SS. Addolorata, 1824).


*    Alla p. 4053. Vedi però i dizionari spagnuolo buoni, alla voce dueña che mi pare in un luogo del Don Quijote significhi donna, e il glossario latino in domina o domna, e il Forcellini e l’antico francese, se hanno nulla in proposito. Del resto, non solo etimologicamente, ma anche presentemente donna significa pur signora in italiano, e donno, signore, padrone (10 aprile 1824, sabato di Passione).  (4068)


*   Divertido cuento ec. per que divierte (13 aprile 1824).


*    Al detto di quisto, chiesto ec. aggiungi requête, antico requeste (13 aprile 1824).