Pagina:Zibaldone di pensieri VI.djvu/88

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3643-3644-3645) pensieri 83

lunghissime e diversissime esperienze, ei non può averlo scoperto né concepito. E non possono neppure i filosofi indovinare come abbia fatto l’uomo non pure ad accendere, ma a vedere e scoprire il primo fuoco. Chi ricorre a un incendio cagionato dal fulmine, chi al frottement reciproco de’ rami degli alberi cagionato da’ venti nelle  (3644) foreste, chi a’ vulcani e chi ad altre tali ipotesi l’una peggio dell’altra. — E conosciuto il fuoco, come avrà l’uomo trovato il modo di accenderlo sempre che gli piaceva? Senza di che e’ non gli era di veruno uso. E di estinguerlo a suo piacere? Quanto avrà egli dovuto tardare a sapere e a trovar tutte queste cose. Gli antichi favoleggiavano che il fuoco fosse stato rapito al cielo e portato di lassú in terra. Segno che l’antica tradizione dava l’invenzione del fuoco e del suo uso e del modo di averlo, accenderlo, estinguerlo a piacere, per un’invenzione non delle volgari, ma delle piú maravigliose; e che questa invenzione non fu fatta subito, ma dopo istituita la società, e non tanto ignorante, altrimenti ella non avrebbe potuto dar luogo a una favola, e a una favola la quale narra che il ratto del fuoco fu opera di chi volle beneficare la società umana ec. — Non solo la natura non ha insegnato l’uso del fuoco, né somministrato pure il fuoco agli uomini se non a caso, ma ella lo ha fatto eziandio formidabile e pericolosissimo il suo uso. E lasciando i danni morali, quanti infiniti ed immensi danni fisici non ha fatto l’uso del fuoco sí all’altre  (3645) parti della natura, sí allo stesso genere umano. Niuno de’ quali avrebbe avuto luogo se l’uomo non l’avesse adoperato e contratto il costume di adoperarlo. Il fuoco è una di quelle materie, di quegli agenti terribili, come l’elettricità, che la natura sembra avere studiosamente seppellito e appartato, e rimosso dalla vista e da’ sensi e dalla vita degli animali, e dalla superficie del globo, dove essa vita e la vegetazione e la vita totale della natura ha principalmente luogo,