Pagina:Zibaldone di pensieri VII.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
26 pensieri (4107-4108)

cessibile alla compassione. Si moverà anche a soccorrere, ma non a compatire. Beneficherà o sovverrà, ma per una fredda idea di dovere o piuttosto di costume, senza un sentimento che ve lo sproni, un piacere che gliene venga. La noncuranza vera e pacifica di se stesso è noncuranza di tutto, e quindi incapacità di tutto, ed annichilamento dell’anima la piú grande e fertile per natura.

Questo medesimo effetto che produce la infelicità, lo produce, come ho detto, l’abito di non provare o non vedersi d’innanzi alcuna apparenza di felicità, alcun dolce futuro, alcun piacere grande o piccolo, alcuna fortuna della giornata o durevole, alcuna carezza e lusinga degli uomini o delle cose. L’amor proprio non mai lusingato, si distacca inevitabilmente dalle cose e dagli uomini (fosse pur sommamente filantropo e tenero), e l’uomo, abituandosi a non veder nella vita e nel mondo nulla per se, si abitua a non interessarvisi, e tutto divenendogli indifferente, il piú gran genio diventa sterile e incapace anche di quello di cui sono capacissimi gli animi per natura piú poveri, infecondi, secchi ed inetti (29 giugno, festa di S. Pietro, giorno mio natalizio, 1824). Il che sempre piú privandolo d’ogni illusione e successo dell’amor proprio, sempre piú conferma in lui l’abito di noncuranza, e d’inettitudine e spiacevolezza. Trista condizione del genio, tanto piú facile a cadere in questo stato (che certo  (4108) non è strettamente proprio se non di lui), quanto da principio il suo amor proprio è piú vivo, e quindi piú avido e bisognoso di lusinghe e piaceri e speranze, meno facile ad apprezzare e soddisfarsi di quelle e quelli che agli altri bastano, e piú sensibile alle offese e punture che i volgari non sentono (29 giugno, festa di S. Pietro, dí mio natalizio, 1824). Vedi p. 4109.


*    Φρύσσω o φρύττω-frissonner. Notinsi in questo verbo