Pagina:Zibaldone di pensieri VII.djvu/38

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(4114-4115) pensieri 33



*    Amaricare frequentativo alla latina, come fodicare ec. Vedi Crusca, Forcellini ec. ec. (24 luglio 1824, Vigilia di S. Giacomo Apostolo).


*    Diminutivi greci positivati. Κὼς o κῶας o κῶος-κωῳῒδιον o κῴδιον, κωδάριον. Vedi i lessici, e Luciano, Opera, 1687, init. Galli, t. II, p. 158, fine (24 luglio 1824, Vigilia di S. Giacomo Apostolo, mio omonimo).


*    Ἐν ἀρχῇ εὐθὺς τοῦ ec. Luciano, ib. p. 165, (24 luglio 1824, Vigilia di San Giacomo Apostolo).


*    Absortar da absorbeo. Cervantes, Novelas exemplares, Milan, 1615, p. 733 (27 luglio 1824).


*    Verbo diminutivo. Rado-rasum-raschiare (27 luglio 1824).


*    Diminutivi positivati. Chorea, carola, caroletta, quasi choreola. Vedi il Forcellini e gli etimologisti, e nóta che carola è propriamente ballo tondo, com’era quello dei cori, onde χορεία, χορεύειν, e chorea ec. (27 luglio 1824).  (4115)


*   Un notabile esempio di verbo continuativo usato in senso affatto continuativo ec. vedilo in Cicerone, de Natura Deorum, II, 49, fine, ut in pastu circumspectent (29 luglio 1824).


*    Alla p. 4114. principio. Cosí cornacchia, corneille ec. per cornix; araneola, araneolus (vedi gli spagnuoli) per aranea, araneus; ἀράχνιον; ranocchio, grénouille ec. per rana (29 luglio 1824).


*    Τοσοῦτον ἄρα ἐδέησάν με - ἀπαλλάξᾳ, ᾥστε καὶ - ἐνέβαλον. Luciano, Opera, 1687, t. II, p. 189, fine (29 luglio 1824).

Leopardi.Pensieri, VII. 3