Pagina:Zibaldone di pensieri VII.djvu/415

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
406 pensieri (4473-4474)

rivati ec. E notisi la forma neutra passiva, ossia reciproca, dell’uno e dell’altro verbo ec. (25 marzo 1829).


*    σκίμπους οδος-σκιμπόδιον.


*    Cauneas-cave ne eas.


*    Tenebrosus-tenebricosus. Nel dialetto popolare di Viterbo (Patrimonio di S. Pietro), menicare e trenicare, frequentativi di menare e tremare (Orioli nell’Antologia di Firenze).


*    άρμάτιον per ‘ᾶρμα. Procop. Hist. arcan. p. 31. ed. Alemanni (i lessici e glossari nulla).


*    Ἔπος da εἰπεῖν sembra essere stato considerato, e chiamato cosí, come un grado, un genere medio tra λόγος, da λέγειν, orazione, prosa; e μέλος (27 marzo 1829).


*    Ἀφὴ, ὲπαφὴ, usati in proposito d’istrumenti musici, ap. Orelli, ib. p. 292. lin.3., p. 302, lin. 13. 18. 23., p. 336. lin.19. - tocco, toccare, toucher ec. nello stesso senso.


*    In generale la forma diminutiva (o disprezzativa o vezzeggiativa ec). spagnuola in illo, e ico, ecillo, ecico, cillo, cico, e l’italiana in glio e chio (icchio, ecchio, acchio ec)., e la francese in il, ill; ail, aill; eil, eill ec.; sí de’ nomi, che de’ verbi (ne’ quali suol esser chiamata frequentativa), non è altro (anche nelle voci di origine non latina) che la mera latina in aculus, iculus, culus, iculare, culare, uscul. ec. contratta prima in clus, clum, iclus, clare ec. (27 marzo. 1829). Vedi p. 4486.


*    Fama rerum. Tacito, Vit. Agric. in fine. Frase che desta un’idea  (4474) vastissima, o una moltitudine di