Pagina:Zibaldone di pensieri VII.djvu/448

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(4503-4504) pensieri 439



*    Dal detto altrove sulla poesia di stile, quanta immaginazione richieda ec., apparisce che i veramente poeti di stile, sarebbero stati poeti d’invenzione, o per meglio dire, d’invenzion di cose, in altri tempi; e ch’essi sono i veri poeti de’ loro secoli. ec. (10 maggio).


*    Per molto che uno abbia letto, è ben difficile che al concepire un pensiero, lo creda suo, essendo d’altri; lo attribuisca all’intelletto, all’immaginazione propria, non appartenendo che alla memoria. Tali concezioni sono accompagnate da certa sensazione che distingue le originali dalle altre; e quel pensiero che porta seco la sensazione, per cosí dire, dell’originalità, verisimilissimamente non sarà stato mai concepito ugualmente da alcun altro, e sarà proprio e nuovo; dico, non quanto alla sostanza, ma quanto alla forma, che è tutto quel che si può pretendere. Giacché è noto che la novità della piú parte de’ pensieri  (4504) degli autori piú originali e pensatori, consiste nella forma (10 maggio).


*    Similis - simulare, ec. ec.


*    Carduus, cardo italiano, chardon francese, cardone ec. Juillet.


*    Debolezza amabile al piú forte (come la forza al debole, il maschio alla femmina). Su ciò è fondata in gran parte la tenerezza naturale de’ genitori verso i figliuoli, la quale negli animali finisce affatto colla debolezza di questi. Anche l’amabilità de’ fanciulli agli uomini, delle femine ai maschi, degli animaletti piccini e teneri, (uccelli ec.), di tutto ciò (anche piante ec.) dove il senso o l’immaginazione percepisce un’idea di tenerezza, debolezza, inferiorità di forze ec. Anche la malattia, il pallore; e poi l’infelicità ec. ec. e tutto quel ch’è oggetto di compassione, si può ridurre a