Pagina:Zibaldone di pensieri VII.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
58 pensieri (4134-4135)

comparativamente, di estimare e riguardare il gran sistema del tutto; modo e giudizio naturale a noi che facciamo parte noi stessi del genere animale e sensibile, ma non vero, né fondato sopra basi indipendenti e assolute, né conveniente colla realtà delle cose, né conforme al giudizio e modo (diciamo cosí) di pensare della natura universale, né corrispondente all’andamento del mondo, né al vedere che tutta la natura, fuor di questa sua menoma parte, è insensibile, e che gli esseri sensibili sono per necessità souffrants, e tanto piú sempre, quanto piú sensibili. Onde anzi si dovrebbe conchiudere, che essi stessi, o la sensibilità astrattamente, sono una imperfezione della natura, o vero gli ultimi, cioè infimi di grado e di nobiltà e dignità nella serie degli esseri e delle proprietà delle cose (9 aprile, sabato in Albis, 1825). Vedi p. 4137.


*   Sentido de la perdita per que siente (senziente, che si duole) la perdida. Penato per penante. Crusca, in penato e in penare esempio ultimo.


*    Halo as-halitans (10 aprile, domenica in Albis, 1825). Alitare.


*    Σανὶς ίδος, forse in origine diminutivo, poscia positivato.


*    Piú tempo per del tempo, frase frequente presso i nostri (per esempio, Ricordano,  (4135) cap. 178; Villani, l. VI, c. 88, principio) sí del trecento, sí del conquecento. - πλείονα χρόνον nello stesso senso. Vedi le mie osservazioni a Flegonte, de mirabil., c. I, col. 81, lin. 2 (14 aprile 1825).


*    Calza-calzetta, calzino. Bruzzo-bruzzolo.


*    Filo-fila. Uova.