Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1045

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1045

../1044 ../1046 IncludiIntestazione 25 gennaio 2013 100% Saggi

1044 1046


[p. 363 modifica]


*   Chi vuol vedere quanto abbia la natura provveduto alla varietà, consideri quanto l’immaginazione sia piú varia della ragione e come tutti si accordino in ciò che spetta o è fondato su questa, e viceversa. Per esempio, osservi come fossero varie le lingue antiche architettate sul modello della immaginazione, e quanto monotone quelle moderne che piú sono architettate sulla ragione. Osservi come una lingua universale debba esser modellata e regolata in tutto e perfettamente dalla ragione, appunto perché questa è comune a tutti, ed uguale e uniforme in tutti (13 maggio 1821). [p. 364 modifica]


*    La Francia è per geografia la piú settentrionale delle regioni europee che si comprendono sotto la categoria delle meridionali. Cosí dunque la sua lingua partecipa di quella esattezza, di quella, per cosí dire, pazienza, di quella monotonia, di quella regolarità, di quella rigorosa ragionevolezza che forma parte del carattere settentrionale. E cosí pure la sua letteratura, in gran parte filosofica, e generalmente il suo gusto letterario, sebben ciò derivi in gran parte dall’epoca della sua lingua e letteratura; epoca moderna, e per conseguenza epoca di ragione. Come per lo contrario l’Inghilterra, ch’é per carattere la regione meno settentrionale di tutte le settentrionali (vedi p. 1043) ha una lingua delle