Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/106

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 106

../105 ../107 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 100% Saggi

105 107

[p. 216 modifica] studenti tedeschi hanno piena la testa e ingombra la ragione, come apparisce dalle gazzette di questi giorni, dove anche si recano le loro lettere piene di opinioni stravaganti e ridicole, che fanno dell'amor della libertà una nuova religione, tutta nuovi misteri. (26 marzo 1820, e vedi le Gazzette di Milano del principio di questo mese).


[p. 217 modifica]*   Quando io era fanciullo, diceva talvolta a qualcuno de’ miei fratellini. Tu mi farai da cavallo. E legatolo a una cordicella, lo venia conducendo come per la briglia e toccandolo con una frusta. E quelli mi lasciavano fare con diletto, e non per questo erano altro che miei fratelli. Io mi ricordo spesso di questo fatto, quando io vedo un uomo, sovente di nessun pregio, servito riverentemente da questo e da quello in cento minuzie ch’egli potrebbe farsi da se, o fare ugualmente a quelli che lo servono, e forse n’hanno piú bisogno di lui, che alle volte sarà piú sano e gagliardo di quanti ha dintorno. E dico fra me: né i miei fratelli erano cavalli, ma uomini quanto me, e questi servitori sono uomini quanto il padrone e simili a lui in ogni cosa; e tuttavia quelli si lasciavano guidare benché fossero tanto cavalli quant’era io, e questi si lasciano comandare; e tra questi e quelli non vedo nessun divario (26 marzo 1820).


*   Le genti per la città dai loro letti, nelle lor case in mezzo al silenzio della notte, si risvegliavano e udivano con ispavento per le strade il suo orribil pianto ec.


*   Stile francese — Stile di conversazione — Stile ordinario de’ nostri pittori — Stile arcadico o frugoniano.


*   Come potrà essere che la materia senta e si dolga e si disperi della sua propria nullità? E questo certo e profondo sentimento, massime nelle anime grandi, della vanità e insufficienza di tutte le cose che si misurano coi sensi, sentimento non di solo raziocinio, ma vero, e, per modo di dire, sensibilissimo sentimento e dolorosissimo, come non dovrà