Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1382

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1382

../1381 ../1383 IncludiIntestazione 20 settembre 2013 100% Saggi

1381 1383

[p. 126 modifica]


*   Il soddisfare a un bisogno, il liberarsi da un incomodo è molto maggior piacere che il non provarlo. Anzi questo non è piacere, quello sí, e lo è bene spesso semplicemente in quanto alla sola soddisfazione del bisogno ec., quantunque nell’azione che vi soddisfa la natura non abbia posto alcun piacere particolare distinto e indipendente, come l’ha posto, per esempio, nel cibarsi. E va per lo piú in ragione della maggiore o minore intensità del bisogno ec. (24 luglio 1821).


*    Alla mia teoria del piacere aggiungi che, quanto piú gli organi del vivente sono suscettibili, sensibili, mobili, vivi, insomma quanto è maggiore la vita naturale del vivente, tanto piú sensibile e vivo è l’amor proprio (ch’é quasi tutt’uno colla vita), e quindi il [p. 127 modifica]desiderio della felicità ch’é impossibile, e quindi l’infelicità. Cosí accade dunque agli uomini rispetto alle bestie, cosí a queste pure gradatamente, cosí agl’individui umani ec. piú sensibili, immaginosi ec. rispetto agli altri individui della stessa specie. E l’uomo anche in natura è quindi ben conseguentemente il piú infelice degli animali, come vediamo, perciò stesso che ha piú vita, piú forza e sentimento vitale che gli altri viventi (25 luglio 1821).