Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1394

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1394

../1393 ../1395 IncludiIntestazione 12 novembre 2013 100% Saggi

1393 1395

[p. 134 modifica] benché oggi assai forti. Cosí a scuotere la mia povera patria e secolo, io mi troverò avere impiegato le armi dell’affetto e dell’entusiasmo e dell’eloquenza e dell’immaginazione nella lirica e in quelle prose letterarie ch’io potrò scrivere; le armi della ragione, della logica, della filosofia ne’ trattati filosofici ch’io dispongo; e le armi del ridicolo ne’ dialoghi e novelle lucianee ch’io vo preparando.

    Iliaci cineres et flamma extrema meorum,
       Testor, in occasu vestro, nec tela nec ullas
       Vitavisse vices Danaum; et, si fata fuissent
       Ut caderem, meruisse manu
            (Virg., Aen., II, 431 segg.) (27 luglio 1821).


*    Alla p. 1102. È stata anche utilissima e necessaria invenzione e pensamento quello di dividere le quantità non per unità, ma per parti di quantità contenenti un numero di quantità determinato e perpetuamente conforme; vale a dire per diecine, ossia quantità contenenti sempre dieci unità; per centinaia, contenenti sempre dieci diecine; per migliaia ec. Senza questo ritrovato ottimo ed ammirabile, noi, quanto ai numeri, saremmo ancora appresso a poco nel caso degli