Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1102

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1102

../1101 ../1103 IncludiIntestazione 27 gennaio 2013 100% Saggi

1101 1103

[p. 404 modifica] in questo modo; per esempio, una lunghezza di [p. 405 modifica]cento passi. Giacch’egli non può concepire questo numero definito di cento passi. Cosí discorrete di tutte le altre cose o idee (e sono infinite) che l’uomo concepisce chiaramente mediante l’idea de’ numeri. E da ciò solo potrete argomentare l’immensa necessità ed influenza del linguaggio e di un linguaggio distinto, e preciso ne’ segni, sulle idee e le cognizioni dell’uomo (28 maggio 1821). Vedi p. 1394, capoverso 1.


*    Dal pensiero precedente e dagli altri miei sulla influenza somma del linguaggio nella ragione e nelle cognizioni, deducete che una delle cause principalissime e generalissime, e con tuttociò puramente fisiche, della inferiorità delle bestie rispetto all’uomo e della immutabilità del loro stato, è la mancanza degli organi necessari ad un linguaggio perfetto o ad un sistema perfetto di segni di qualunque genere. E mancando degli organi mancano anche della inclinazione naturale ad esprimersi per via di segni e nominatamente per via della voce e de’ suoni. Inclinazione materiale e innata nell’uomo, e che tuttavia fu la prima origine del linguaggio. Essendo certo, per esperienza, che l’uomo, ancorché privo di linguaggio, tende ad esprimersi con suoni inarticolati ec. (28 maggio 1821).