Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1747

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1747

../1746 ../1748 IncludiIntestazione 5 novembre 2014 100% Saggi

1746 1748

[p. 346 modifica] cagioni, la vista di una moltitudine innumerabile, come delle stelle o di persone ec., un moto moltiplice, incerto, confuso, irregolare, disordinato, un ondeggiamento vago ec., che l’animo non possa determinare né concepire definitamente e distintamente ec., come quello di una folla o di un gran numero di formiche o del mare agitato ec. Similmente una moltitudine di suoni irregolarmente mescolati e non distinguibili l’uno dall’altro ec. ec. ec. (20 settembre 1821).


*   Quelli che immaginarono una musica di colori e uno strumento che dilettasse l’occhio colla loro armonia istantanea e successiva, coll’armonica loro combinazione e variazione ec., non osservarono che la grande influenza dell’armonia musicale sull’anima non è propria dell’armonia in modo, ch’essenzialmente non derivi dal suono o dal canto isolatamente considerato; anzi, considerando la pura natura di essa influenza, essa spetta piú o piú necessariamente al suono e al canto che all’armonia o melodia: giacché il suono o il canto produce (benché per breve tempo) sull’animo qualch’effetto proprio della musica, ancorché separato dall’armonia; non cosí questa, divisa