Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1820

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1820

../1819 ../1821 IncludiIntestazione 27 novembre 2014 100% Saggi

1819 1821

[p. 386 modifica] del primo libro di Velleio); che nelle repubbliche abbondino gli eloquenti e fuori di esse non si trovi un uomo magniloquente ec. ec. ec.: tutto ciò da che deriva e che cosa dimostra, se non che il talento è l’opera in tutto delle circostanze, sí il talento in genere che il talento tale o tale? ― Le circostanze lo sviluppano, ma esso già esisteva indipendentemente da queste. ― Che cosa vuol dire sviluppare una facoltà già esistente ed intera? Forse applicarla e renderla cioè ἐνεργῆ, cioè operativa? Signor no, perché questo non si può fare, se prima non si sono abilitati gli animi ad operare, e in quel tal modo. Che gli organi, e con essi le disposizioni, cioè le qualità che li compongono, si sviluppino, lo intendo. Ma che una facoltà, che senza le circostanze corrispondenti, senza l’assuefazione e l’esercizio, è affatto nulla e impercettibile a qualunque senso umano, si debba dire e credere sviluppata e non prodotta dalle circostanze,