Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1947

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1947

../1946 ../1948 IncludiIntestazione 27 novembre 2014 100% Saggi

1946 1948

[p. 457 modifica] un’indole forestiera. Cosí riguardo alle traduzioni. Ell’é capace di tutti i piú disparati stili, ma conservando la sua indole, non già mutandola; altrimenti la nostra lingua converrebbe che mancasse d’indole propria, il che non sarebbe pregio ma difetto sommo. L’originalità della nostra lingua, ch’é marcatissima, non deve soffrire, applicandola a qualsivoglia stile o materia. Questo appunto è ciò di cui ella è capace, e non di perderla ed alterare il suo carattere per prenderne un altro forestiero, del che non fu e non è capace nessuna lingua senza corrompersi. E il pregio della lingua italiana consiste in ciò che la sua indole, senza perdersi, si può adattare a ogni sorta di stili. Il qual pregio non ha il tedesco, che ha la stessa adattabilità e forse maggiore, non però conservando il suo proprio carattere. Or questo è ciò che potrebbero fare tutte le lingue le piú restie, perché, rinunziando alla propria indole, e insomma corrompendosi, facilmente possono adattarsi a questo o quello stile forestiero.