Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2321

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2321

../2320 ../2322 IncludiIntestazione 4 settembre 2015 100% Saggi

2320 2322

[p. 167 modifica] amarunt, amarat ec. Donde venne questa contrazione usualissima? Le contrazioni non nascono già, e molto meno diventano comunissime (piú spesso troverete amarunt che amaverunt ec.), senza una ragione di pronunzia. Anticamente si [p. 168 modifica]disse amaerunt, amaerat trisillabe, senza però che l’ae si pronunziasse e, ma sciolto. Poi coll’aspirazione eufonica, per fuggire l’iato, si disse ama Ƒerunt ec. Indi amaverunt. Ma il volgo continuò a considerarli come trissillabi; e perciò, saltando facilmente una lettera e conservando la parola trisillaba, disse amarunt, amarat ec. E non fece caso dell’aspirazione (ossia del v) non piú di quello che in nil per nihil ec. vedi disopra. Che il volgo solesse pronunziare cosí contratto piuttosto che sciolto lo dimostra il nostro amarono, amaron, aimerent (e quanto ad amarat vedi la p. 2221, fine segg.). Quest’uso, essendo comune a tutte tre le lingue figlie, dimostra un’origine comune, cioè il volgare latino. E viceversa le dette considerazioni provano che detto uso moderno è di antichissima origine e proprio (forse esclusivamente dell’altro) del volgare latino, com’era pur