Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2376

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2376

../2375 ../2377 IncludiIntestazione 4 settembre 2015 100% Saggi

2375 2377

[p. 203 modifica] oncle). Giacché il cl fu da noi trasmutato quasi sempre in chi, come quello di claudere o cludere (vedi p. 2283), clericus, clavis, clavus ec. Cosí il gulus o gula, prima in glus, poi in ghio ec. Unghia ec. (franc. ongle). Cosí stipula si disse prima stipla, poi stoppia ec. Vedi il glossario ec. Cosí gli stessi latini, massime i poeti, solevano contrarre siffatte voci, come periclum ec., maniplum (Virgilio, Georg., III, 297) ec. (31 gennaio 1822).


*    È costume, massimamente italiano, di elidere e togliere il c dalle parole latine, specialmente, e per esempio, avanti il t. Ora anche gli antichi ed ottimi scrittori e monumenti usano spesse volte lo stesso in molte parole, dicendo, per esempio, artus per arctus (dove il c è radicale, perché arctus fu da principio arcitus, participio di arcere. Vedi p. 1144, se vuoi, ec.; nel Virgilio dell’Heyne trovi sempre artus mai arctus), autor per auctor, autoritas ec. Vedi il Cellario; il Forcellini, l’Ortografia del Manuzio ec. E nelle antiche iscrizioni, medaglie ec. si troveranno infiniti esempi di ciò, come dire Atium o Atius o Atia, per Actium ec. ec. Il qual costume o sia buono o cattivo in riga di